f1 pagelle gp messico voti e commenti

F1 Pagelle GP Messico – Hamilton smargiasso, Ferrari battuta a Risiko

F1, Pagelle e commento del Gran Premio del Messico, nel classico Pagellone Motorsport Clan

Il Gran Premio del Messico, diciottesimo appuntamento del mondiale Formula 1 2019, ci ha regalato una gara tesissima a livello strategico, ma non è certamente mancata l’azione in pista.

Il resto l’ha fatto l’ormai consolidato spettacolo offerto dai tifosi messicani, con il celebre stadio che ci ha regalato uno dei podi più spettacolari e “smargiassi” della storia della F1.

E’ tempo allora di assegnare i voti ai piloti con i commenti delle loro azioni in pista, via alle pagelle del GP del Messico!

Pagelle e commenti del Gp del Messico 2019

HAMILTON – 9 – Nonostante un inizio di week-end in sordina, Lewis sfodera in gara quello che i più attenti avranno osservato durante le libere: un prodigioso passo gara. Dà solo l’impressione di essere in crisi con le hard a fine gran premio, in realtà le stava gestendo al meglio fin dall’uscita dall’unico pit-stop.

f1 messico partenza sintesi gara risultati

In partenza è nuovamente baciato dalla fortuna, nonostante l’attacco kamikaze di Verstappen. Sul podio si presta a una delle entrate più smargiasse della storia della F1, ma la festa vera è tra una settimana in Texas.

f1 festa podio gp messico lewis hamilton

Guarda anche: Video, il podio spettacolare di città del Messico

VETTEL – 8.5 – Tostissimo al via nei confronti di un Hamilton che lo brucia allo start, difendendo alla grande la seconda posizione. Decide LUI di proseguire in occasione del pit-stop di Hamilton, una strategia che probabilmente gli avrebbe dato una possibilità senza i preziosi 4 secondi persi alle spalle di Sainz.

Ma Hamilton è parso in gestione sul finale, le gare non si vincono con i se o con i ma. Serve un passo gara che allontani i vari tentativi di undercut, la Ferrari in Messico non sembrava averlo.

f1 ferrari strategia leclerc gp messico

Seb sembra comunque aver ritrovato lo smalto del “capitano”, riuscendo ancora una volta nel difficile compito di arginare un fenomeno come Carletto da Monaco.

Leggi anche: Vettel:”Dovevamo provare una strategia differente..”

BOTTAS – 7.5 – Grave l’errore in qualifica che lo priva potenzialmente di una possibile prima fila, scenario che avrebbe innescato tutta un’altra gara. Gesto comunque apprezzabile, il boscaiolo ha dato tutto se stesso, sia in qualifica che in gara, nonostante una W10 fixata in fretta e furia.

F1 GP Messico, Bottas rischia penalità, la Mercedes prova ad evitarla

LECLERC – 6.5 – Partire in pole e finire quarto, lascia l’amaro in bocca e poche speranze di beccarsi il votone in pagella. Charles questo lo sa bene, come sa bene che deve ancora maturare su certi aspetti in gara.

Il suo primo stint, sebbene lo vedeva in testa alla gara, non era entusiasmante a livello di ritmo. Non solo Vettel, ma anche Albon lo tallonavamo da vicino, prestando cosi il fianco a dei facili undercut. Undercut da cui ha provato(sbagliando) a difendersi, quello operato da Albon.

f1 gp messico pit stop leclerc azione saliente

Troppo anticipata la sosta, era davvero necessario concentrarsi sulla Red Bull di Albon? E’ mancato anche il ritmo con gomma media nuova, mentre l’ennesimo errore al pit stop gli toglie una certa possibilità di tornare in lizza per il podio.

Leggi anche: Leclerc:”Devo migliorare in ambito gara, sono ancora inferiore a Seb”

ALBON – 7 – Un’altra prestazione degna da pilota Red Bull, vederlo nella stessa inquadratura di gente come Vettel, Leclerc e Hamilton, è cosa rara se non ti chiami Max Verstappen. Alex cede il passo nel secondo stint, ma la strada sembra quella giusta.

VERSTAPPEN – 5 – Se Ferrari è regina delle prime file sprecate, Verstappen in Messico vanta il primato di aver sprecato un enorme potenziale sia in qualifica che in gara. Sciocco il comportamento in occasione dell’incidente di Bottas il sabato, sciocche le sua dichiarazioni e sciocco l’attacco “all-in” al primo giro su Hamilton.

f1 verstappen foratura gp messico gara

Voto 10 per l’attacco allo stadio su Bottas, ma con un passo gara del genere, la vittoria era l’obiettivo minimo. Mad Max, il ritorno?

PEREZ – 7 – Una certezza nel suo gran premio di casa, uno spettacolo vederlo ogni anno impegnato in lotte durissime mentre dagli spalti si alza un tifo entusiasmante. Bella la sfida con Ricciardo(voto 7), altri preziosi punti che sigillano un’altra stagione consistente del messicano.

MCLAREN – 4 – S’interrompe il filone positivo degli uomini di papaya vestiti, con un clamoroso errore ai box ai danni di Lando Norris, mentre Sainz sprofonda grazie a una strategia da rivedere.

f1 gp messico giovinazzi pit stop gara

ALFA ROMEO – 3 – Notte fonda. Che fine ha fatto la scuderia che a fine 2018 occupava con Leclerc stabilmente la zona alta della top 10 e l’ottimo inizio di questa stagione con Raikkonen? Urge ritrovare la bussola, il campionato F1.5 è bello che andato, nonostante pilota e budget da ben altri risultati.

Siete d’accordo con il pagellone? Parliamone nei commenti!


E tu cosa ne pensi? Lasciaci un commento!