Rubata la Ferrari 288 GTO di Irvine durante un test drive!

L’incredibile furto è avvenuto in Germania, durante un test drive della costosissima Ferrari

Ruba la Ferrari 288 GTO da 2 milioni durante un test drive

Dusseldorf, Germania. Un fantomatico collezionista di auto, si presenta in taxi all’appuntamento con un famoso venditore di rare Supercars, per poi fuggire a bordo di una fiammante Ferrari 288 GTO, dal valore di oltre 2 milioni di dollari.

ferrari 288 GTO

Il genio di turno, una volta terminato il test drive, ha approfittato del fatto che il venditore sia sceso per primo dall’auto, per premere a fondo il gas e sparire a bordo della costosissima Ferrari, appartenuta all’ex pilota della scuderia di Maranello, Eddie Irvine.

Ritrovata in una garage “segreto”

La 288 GTO, con 43 mila km all’attivo, è stata poi ritrovata dalla polizia in un garage “segreto”. Fondamentali le testimonianze dei cittadini del luogo, di fronte a un oggetto che ovviamente non passava inosservato.

Nessuna traccia, invece, del furbacchione che ha tentato il furto.

Ferrari 288 GTO mostro da 400cv, regina degli anni 80, il suo valore

La Ferrari 288 GTO, prodotta in soli 272 esemplari, era una versione speciale della 308 GTB, appositamente studiata da Mauro Forghieri per partecipare al campionato Gruppo B

Il motore turbo generava 400 CV di potenza massima e 496 Nm di coppia, valori di assoluto rispetto per i tempi,  305 km/h di velocità massima e un tempo di 12,7 secondi per coprire i 400 metri. Un mostro completamente privo di elettronica, davvero difficile da domare visto l’erogazione brutale dei motori turbo dell’epoca.

L’abolizione del Gruppo B, interruppe il lavoro di sviluppo nelle competizioni, ma i 272 esemplari di GTO, furono venduti tutti su prenotazione, prima ancora della messa in produzione del veicolo.

La 288 GTO è stata l’antenata delle moderne hypercar della casa di Maranello, a lei sono seguite le F40 e la F50, per poi passare ai giorni nostri con la Enzo e La Ferrari.

 

UNISCITI AL CLAN, SEGUICI SU FACEBOOK

E tu cosa ne pensi? Lasciaci un commento!