F1 Red Bull, sarà un weekend difficile al GP Messico secondo i motoristi Honda

F1 – La Honda non prevede un weekend facile per la Red Bull al GP Messico

La Red Bull ha ben figurato al GP Messico nelle scorse edizioni, aggiudicandosi due vittorie con Max Verstappen, ma i motoristi Honda sono preoccupati di non riuscire a replicare lo stesso risultato

Max Verstappen e la sua Red Bull hanno occupato il gradino più alto del podio nelle edizioni 2017 e 2018 del GP del Messico. Una striscia positiva che rischia seriamente interrompersi quest’anno, a sentire Toyoharu Tanabe.

Il direttore tecnico F1 Honda mette l’accento sul gap che si è creato tra le Red Bull e gli altri due top team (Ferrari e Mercedes) dopo la pausa estiva. Il team austriaco ha mostrato prestazioni al di sotto delle attese, peggiorate anche dall’incidente al via subito da Verstappen a Suzuka.

In aggiunta la Red Bull si trova ad affrontare un GP del Messico in cui l’alta quota metterà a dura prova sia l’abilità dei piloti, che l’aerodinamica e il raffreddamento della power unit. Sebbene abbiamo già ricordato la vittoria di Max in altura al Gran Premio d’Austria, il circuito di Città del Messico si trova quasi 1700 metri al di sopra dell’altitudine del Red Bull Ring (677 mt).

Ci si chiede quindi se la Honda riuscirà a replicare i risultati del motore Renault montato sulle Red Bull che hanno vinto sul tracciato della capitale messicana.

Red Bull in difficoltà a Città del Messico?

Abbiamo dati dalle gare passate a cui fare riferimento quando si tratta di prepararsi per il fine settimana, ma abbiamo visto un netto miglioramento delle prestazioni di alcuni dei nostri concorrenti rispetto alle ultime gare. Quindi non ci aspettiamo che questo sia un fine settimana facile per noi”, ha dichiarato Tanabe

“Storicamente, il Gran Premio del Messico è una gara importante per noi, poiché è stato su questo circuito che la Honda ha conquistato la sua prima vittoria in Formula 1 con la sua auto, nel 1965 e speriamo di riuscire ancora a correre questo fine settimana“.

Le principali ostilità del tracciato secondo Tanabe (Honda)

L’Autódromo Hermanos Rodríguez pone molte domande interessanti sia per i costruttori di telai che per gli ingegneri PU, molti dei quali legati al fatto che Città del Messico si trova a 2,3 chilometri sul livello del mare. La bassa densità dell’aria significa che la turbina PU deve lavorare di più per offrire lo stesso potenza come su altre tracce, quindi dobbiamo regolare le impostazioni della nostra unità di potenza di conseguenza“, ha aggiunto il direttore tecnico Honda F1.

Il fatto che l’aria sia più sottile significa anche che è meno efficace nel raffreddamento dei componenti dell’auto e dell’unità di potenza e influenza anche l’efficienza aerodinamica, in modo che le auto funzionino in configurazione ad alto carico aerodinamico.


E tu cosa ne pensi? Lasciaci un commento!