F1 – Gp Cina – Pagellone

Un gran premio di Cina che sicuramente ci ha incollato tutti sul divano(…), andiamo a riviverlo con le nostre classiche pagelle del Lunedi. Pronti con il pagellone Motorsport Clan? Andiamo!

HAMILTON – 6 –  E basta, cribbio! Il classico secchione della classe, quello che alla domanda “Hai studiato?”, ti risponde “No, no, pochissimo, prenderò un brutto voto!”, per poi puntualmente beccarsi il 10 in pagella. Lo stesso fa Lewis Hamilton, “fingendo” di essere palesemente in crisi per tutto il weekend, dove fino alla Q1 si beccava più di 8 decimi dal compagno barbuto. E’ sempre li, quando conta davvero. Voto 9, alieno

BOTTAS – 7.5 – Valtterone fa sul serio quest’anno. Ruba ancora una volta la pole al campione della disciplina, ma rovina tutto in quello che finora è sempre stato il suo punto forte, la partenza. Il buon boscaiolo di Vanziniana concezione, non è però mai in grado di impensierire Hamilton in gara, piuttosto obbliga la squadra a dover preoccuparsi di Vettel e Verstappen alle sue spalle.

VETTEL – 7.5 –  Il mezzo punto in più se lo becca per la “magia” ai danni dell’addormentato Max Verstappen negli ultimi secondi del Q3. Sempre in palla nelle prove libere, deve poi affrontare la cruda realtà in gara, di fronte a una Mercedes che sa bene come illudere gli avversari.

In gara Nigel Mansell si fa fregare allo start dal compagno, per poi non riuscire a fare una grande differenza a pista libera. Non una colpa sua, la SF90 è questa, i miracoli li lasciamo alla Chiesa. Urge capirci qualcosa da questa benedetta macchina.

LECLERC – 6 – Sarebbe 7, visto che in gara ha reso praticamente come Vettel, il punto in meno è per aver accettato di fare il “Bottas” della situazione al secondo pit. Va bene l’ordine di scuderia ad inizio gp, ma accettare di far da tappo a Bottas, auto-distruggendosi la gara, questo NO.

Abbiamo criticato aspramente Bottas l’anno scorso per aver accettato simili torture, da Carletto ci aspettiamo di più. Sebbene, QUI DENTRO, nessuno si aspetta che debba conquistare per forza il titolo mondiale al primo anno in Ferrari. Lasciatelo crescere in pace. Un fenomeno da tutelare.

VERSTAPPEN – 7 –  Dorme in qualifica in occasione del trappolone Mercedes, si rifà in gara tenendo il ritmo dei due Ferrari, esibendosi anche in un bel duello con Vettel. Più maturo, più forte. Occhio.

RAIKKONEN – 8 – Alle prese con un Alfa Romeo che ha deluso sul piano velocistico in questo weekend, il buon Kimi si esibisce in una nuova, inedita, gara all’attacco. Gli unici sorpassi degni di nota, li esegue il finlandese. Un altro piazzamento a punti che lo conferma in testa al mondiale degli altri!

PEREZ – 8 –  Nessuno se lo sta filando quest’anno, complice un avvio non esaltante di stagione, ieri Speedy gonzales porta casa un cospicuo 8° posto, autore di una partenza semplicemente STELLARE.

ALBON – 8 – Dopo Norris, il rookie dell’anno, ancora un volta! Mette a muro la sua Toro Rosso in qualifica, la sua gara inizia praticamente dai box del Bahrain. Nonostante ciò, è capace di farsi spazio nel gruppo fino al 10° posto. Talento.

NORRIS – 9 –  Visto che il buon Kyviat è tornato in modalità Maldonado, distruggendo entrambe le Mclaren al via, al talentuoso Lando non resta che divertirsi sui social. Il video postato su instagram gli vale il votone in pagella e il premio oscar ad honorem.

LIBERTY MEDIA – 2 – Ma come? Ci avete fatto il capoccione quanto quello di David Coulthard con la storia del 1000esimo GP, per poi proporci celebrazioni stile festa dell’oratorio? Il trofeo del 1000esimo gp? Una stella della nota birra? Sul serio?!

La foto di gruppo dietro a un banner recuperato da qualche cantina? Davvero? Il vecchio Bernie, con le celebrazioni, sapeva sicuramente fare meglio.

TI PIACE IL PAGELLONE? – Unisciti al nostro Clan mettendo un like sulla pagina Facebook e raggiungici sul nostro Canale Telegram per commentare in diretta i principali eventi del Motorsport. Ti aspettiamo!

UNISCITI AL CLAN, SEGUICI SU FACEBOOK

E tu cosa ne pensi? Lasciaci un commento!